Dito a Scatto

La tenosinovite stenosante, più comunemente nota come dito a scatto, è una patologia infiammatoria che colpisce soprattutto la mano dominante. Scopri le cause, i sintomi e quando è necessario sottoporsi all'intervento chirurgico.

Cos'è il dito a scatto?

Il dito a scatto è il nome comune con cui si è soliti indicare la tenosinovite stenosante, una patologia infiammatoria che interessa i tendini flessori delle dita; si manifesta principalmente nella mano dominante.

Le dita più coinvolte sono, nell'ordine: il pollice, l’anulare e il medio.

Colpisce prevalentemente le donne tra i 40 e i 60 anni d'età.

Dito a Scatto
Patogenesi del dito a scatto

I tendini flessori delle dita sono avvolti da una membrana sinoviale, che consente lo scorrimento tendineo durante i movimenti di flessione ed estensione delle dita. Durante il processo infiammatorio del dito a scatto tale membrana aumenta di volume, impedendo il normale scorrimento del tendine flessore all'interno del proprio canale osteo-fibroso (puleggia A1). Ciò provoca il blocco del dito, che rimane piegato per poi estendersi con uno scatto; altre volte è necessario “sbloccarlo” manualmente per riportarlo nella posizione estesa.

Quali sono le cause?

La causa del dito a scatto è spesso multifattoriale.

L’infiammazione dei tendini flessori avviene in seguito a microtraumi dovuti alla sollecitazione continua causata, ad esempio, da alcuni movimenti ripetitivi.

Le persone più soggette a questa patologia sono infatti tutti coloro che svolgono professioni o attività in cui le dita sono maggiormente sollecitate, come ad esempio:

  • Musicisti
  • Artigiani e professionisti che utilizzano cacciaviti o forbici
  • Persone che utilizzano assiduamente lo smartphone

La gravidanza può rappresentare un'ulteriore causa della comparsa del dito a scatto, come conseguenza di una maggiore ritenzione idrica.

Si parla di dito a scatto secondario quando l’insorgenza della malattia è attribuibile alla presenza di altre patologie come il diabete, la gotta, l’ipotiroidismo o l’artrite reumatoide.

Dito a scatto: cause

Quali sono i sintomi del dito a scatto?

Il sintomo più evidente è il tipico “scatto”, vale a dire quel movimento che impedisce al tendine di estendersi in modo naturale dopo un piegamento.

Altri sintomi comprendono un indolenzimento alla base del dito (dove spesso è riscontrabile al tatto anche un piccolo nodulo tendineo), il gonfiore e il dolore che può estendersi anche nella regione dorsale del dito.

Classificazione

La gravità clinica viene valutata in base alla classificazione di Green:

  • Grado 1 (pre-scatto)
    caratterizzato dalla presenza di dolore, spesso accompagnato da gonfiore alla base del dito
  • Grado 2 (scatto attivo)
    oltre al dolore, è presente il caratteristico “scatto” che dà origine al nome della patologia
  • Grado 3 (scatto passivo)
    lo “scatto” non avviene automaticamente ma, per riportare il dito nella posizione iniziale, è necessario il supporto dell’altra mano
  • Grado 4 (blocco in flessione)
    lo stadio più grave, in cui il dito rimane bloccato in flessione e non riesce a essere esteso nemmeno passivamente
Dito a scatto: sintomi
Dito a scatto congenito

Dito a scatto congenito

Quando il dito a scatto si presenta nei bambini, prevalentemente tra i 6 mesi e i 2 anni d'età, si parla di dito a scatto congenito o pediatrico.

Il blocco interessa tipicamente l’articolazione interfalangea del pollice, che spesso rimane bloccata in flessione.

Frequentemente è palpabile un nodulo tendineo (detto Nodulo di Notta) nella regione dell'articolazione metacarpo-falangea del pollice.

Se la risoluzione del problema non avviene spontaneamente con l'utilizzo di tutori ed esercizi di stretching, è necessario intervenire chirurgicamente per evitare una contrattura permanente del dito.

Diagnosi: quali esami sono necessari?

La diagnosi del dito a scatto è essenzialmente basata sull'anamnesi e sull'esame obiettivo durante la visita specialistica.

In alcuni casi può essere necessario un esame ecografico per escludere la presenza di altre patologie, come ad esempio cisti della puleggia, nodulo della Malattia di Dupuytren, ...

L’esame radiografico può essere richiesto solo in caso di diagnosi differenziale con altre patologie come rigidità articolari, artrosi, esiti traumatici...

Quali sono le cure?

A seconda dello stadio di gravità del dito a scatto e della durata dei sintomi si può intervenire in modo conservativo o chirurgico.

Dito a Scatto - Cure

Terapia conservativa

Lo scopo della terapia conservativa è quello di limitare il dolore e ripristinare la funzionalità del dito. Essa si avvale di:

  • individuazione del fattore scatenante e riposo
  • ghiaccio locale più volte al giorno
  • antinfiammatori locali
  • tutori diurni e notturni
  • ciclo di fisioterapia specifica
  • infiltrazioni di corticosteroidi ed anestetico per ridurre l'infiammazione, il gonfiore e il dolore

Dito a scatto: intervento chirurgico

Nei casi in cui la terapia conservativa non dovesse avere effetto o in cui dovessero ripresentarsi i sintomi, si rende necessario intervenire chirurgicamente.

In cosa consiste?

L’intervento chirurgico consente di liberare il tendine, permettendogli di tornare a scorrere normalmente durante i movimenti del dito.

La procedura viene eseguita in regime ambulatoriale (ricovero di un giorno), in anestesia locale al dito.

Attraverso una piccola incisione palmare alla base del dito si esegue l'apertura chirurgica della prima puleggia (A1) del canale digitale osteo-fibroso, permettendo in tal modo il ripristino dello scorrimento tendineo.

Al termine dell'intervento viene posizionata una piccola stecca gessata di riposo con le dita libere, da mantenere per circa 2 settimane.

Cosa fare dopo l’intervento?

Il paziente riacquista subito la mobilità delle dita e può riprendere le attività più leggere.

Dopo un paio di settimane dall’intervento si effettua un controllo ambulatoriale per rimuovere i punti di sutura e la stecca, osservando la ripresa del recupero funzionale.

È opportuno astenersi dai carichi più pesanti per altre due settimane circa, rispettando i tempi biologici di guarigione dell'infiammazione tendinea.

L'importanza della fisioterapia

Per ottenere risultati efficaci e definitivi è sempre consigliato un ciclo di fisioterapia specifica, volta a ridurre l'edema post-chirurgico, recuperare lo scorrimento tendineo e impedire la formazione di aderenze cicatriziali.

Intervento chirurgico dito a scatto: apertura della puleggia A1
Intervento chirurgico: apertura della puleggia A1
Pollice a scatto: intervento chirurgico
Pollice a scatto: intervento chirurgico
Dottoressa Marina Faccio
Dr.ssa Marina Faccio

Chirurgo della Mano e dell'Arto Superiore
Visito in Toscana ed Emilia Romagna

Vuoi informazioni o prenotare una visita?

Domande e Risposte

Altri commenti su Facebook