Sindrome del Tunnel Cubitale

La Sindrome del Tunnel Cubitale può avere un impatto significativo sulla funzionalità della mano.
Scopri quali sono le cause, i sintomi e quali sono le opzioni di trattamento.

Cos'è?

La Sindrome del Tunnel Cubitale, pur essendo meno conosciuta e meno frequente rispetto alla Sindrome del Tunnel Carpale, può avere un impatto significativo sulla funzionalità della mano, influenzando in modo notevole la qualità della vita quotidiana.

Questa patologia è causata dalla compressione del nervo ulnare nel canale cubitale del gomito.

Se non trattata adeguatamente, la Sindrome del Tunnel Cubitale può portare a conseguenze molto gravi, come, nei casi più avanzati, alla paralisi della muscolatura della mano.

Sindrome del Tunnel Cubitale: cause
Anatomia: il nervo ulnare

Il nervo ulnare svolge un ruolo cruciale nella funzionalità della mano.

È un nervo misto (sensitivo-motorio): la parte sensitiva è responsabile della sensibilità del mignolo e della parte interna dell'anulare; la parte motoria innerva i muscoli del mignolo e gran parte dei muscoli intrinseci della mano, fondamentali per la sua completa funzionalità.

Il nervo ulnare può subire una compressione a livello del polso (canale di Guyon) o, più frequentemente, a livello del gomito (canale cubitale).

Il canale cubitale è un tunnel delimitato da una parte ossea (epitroclea e l’olecrano) e da una parte fibrosa (legamento di Osborne), che forma il tetto del canale.

La compressione prolungata di questo nervo può causare non solo una diminuzione della sensibilità nelle dita, ma soprattutto un decadimento della funzione motoria, portando a una mano significativamente compromessa.

Sindrome del Tunnel Cubitale: il nervo ulnare
Sindrome del Tunnel Cubitale: il nervo ulnare

Quali sono le cause della Sindrome del Tunnel Cubitale?

La Sindrome Compressiva del Canale Cubitale può essere innescata da una varietà di fattori, molti dei quali sono direttamente legati all'ambiente lavorativo e alle abitudini quotidiane.

Comprendere questi fattori di rischio è cruciale per prevenire l'insorgenza della sindrome e per intervenire in modo efficace quando si manifestano i primi sintomi.

Fattori di rischio

Quali sono i sintomi della Sindrome del Tunnel Cubitale?

La Sindrome del Tunnel Cubitale si manifesta con sintomi iniziali che possono essere facilmente sottovalutati o attribuiti ad altre cause per la loro natura sottile e intermittente.

Tra questi i più comuni sono i formicolii e l’intorpidimento che interessano specificamente il mignolo e la parte mediale dell’anulare.

A differenza della Sindrome del Tunnel Carpale, questi sintomi non tendono a causare risvegli notturni, rendendo la loro identificazione meno immediata.

Nelle fasi avanzate, uno dei segni più evidenti di questa sindrome è la postura ad artiglio (“en griffe”) del quarto e quinto dito, una condizione descritta come "mano benedicente".

Questa caratteristica postura è un segnale allarmante che indica una compressione nervosa in fase di aggravamento.

Negli stadi molto avanzati caratteristica è l’ipotrofia fino all’atrofia, vale a dire una perdita visibile della massa muscolare della mano, con conseguente perdita di forza, di coordinazione e grave compromissione della funzionalità della mano.

Sindrome del Tunnel Cubitale: mano ad artiglio
Postura ad artiglio ("mano benedicente")

Hai riscontrato questi sintomi?
Scopri se si tratta della Sindrome del Tunnel Cubitale

Richiedi una visita

Ambulatori specialistici a Bologna, Prato ed Arezzo.

Diagnosi della Sindrome del Tunnel Cubitale

La diagnosi della Sindrome del Tunnel Cubitale è essenzialmente clinica e si basa sull'anamnesi e sull'esame obiettivo durante la visita specialistica.

Per valutare lo stadio di compressione ed eventuali altre sedi di compressione viene generalmente richiesta un’elettromiografia. Questo esame permette di ottenere una comprensione più approfondita dello stato del nervo ulnare e di escludere eventuali altre problematiche neurologiche.

L'ecografia può essere di supporto alla clinica, nel caso si sospetti una sublussazioni del nervo o eventuali anomalie anatomiche che potrebbero influenzare il percorso del nervo.

Infine, la radiografia gioca un ruolo essenziale nell'identificare deformità ossee o esiti di fratture pregresse, completando così il quadro diagnostico e aiutando a individuare le cause specifiche della sindrome.

Il test di Froment

Uno tra i test clinici utilizzati per confermare la diagnosi, facilmente riproducibile anche dal paziente, è il "test di Froment".

Questo test consiste nel far trattenere un foglio di carta tra il pollice e l’indice del paziente.

Il test è positivo se il paziente flette molto la punta del pollice nel tentativo di trattenere il foglio.

Sindrome del Tunnel Cubitale: test di Froment
Sindrome del Tunnel Cubitale: il test di Froment

Trattamento Conservativo della Sindrome del Tunnel Cubitale

L'approccio conservativo può essere efficace soprattutto nelle fasi iniziali della patologia, quando i sintomi sono lievi e la sofferenza del nervo ulnare è ancora controllabile.

Il trattamento conservativo mira a ridurre l'infiammazione e alleviare il dolore, favorendo il recupero delle normali funzioni del nervo. Questo consiste in:

  • Riposo: limitare le attività che possono aggravare la compressione del nervo.
  • Modificazioni posturali: evitare posizioni a gomito flesso che sollecitano il nervo ulnare.
  • Tutori morbidi di gomito: da indossare di giorno e di notte.
  • Ciclo di fisioterapia specifico: basato su esercizi di stretching e neurodinamica.
  • Applicazione di Ghiaccio: per ridurre infiammazione e dolore.
  • Infiltrazioni di Cortisone: per diminuire l'infiammazione locale.
Sindrome del Tunnel Cubitale: terapia conservativa

Sindrome del Tunnel Cubitale: intervento chirurgico

L'intervento chirurgico diventa necessario al fallimento della terapia conservativa o in presenza di cause fisiche specifiche, come la sublussazione del nervo o la presenza di deformità ossee che alterano il decorso del nervo.

In cosa consiste l'intervento?

Questa procedura prevede principalmente la decompressione del nervo ulnare attraverso la sezione del legamento e di altri tessuti muscolari e fibrosi, possibili sedi di compressione.

In alcuni casi selezionati si effettua anche l'anteposizione del nervo per alleviare la compressione e prevenire recidive.

L'intervento viene eseguito in anestesia loco-regionale all'arto superiore e generalmente si svolge in regime di day-surgery.

Cosa fare dopo l'intervento?

Il recupero post-operatorio include la ripresa graduale della mobilità e l'evitamento di carichi pesanti.

Dopo un periodo iniziale di immobilizzazione, il paziente inizia un percorso di fisioterapia mirato.

L'importanza della fisioterapia

La fisioterapia specifica post-operatoria è cruciale per garantire risultati efficaci e duraturi.

Con l'aiuto di un terapista specializzato, il paziente intraprende un programma di riabilitazione focalizzato sulla riduzione dell'edema, sul trattamento della cicatirce, sul recupero graduale del movimento, su esercizi mirati di neurodinamica per il recupero nervoso e, nella fase finale, sul ripristino della forza muscolare.

In alcune circostanze, possono essere confezionati tutori su misura per supportare il recupero e migliorare le deformità dei casi avanzati.

Sindrome del Tunnel Cubitale: intervento chirurgico

Soffri di Sindrome del Tunnel Cubitale? Scopri di più sul trattamento

Chiama il 340 7155268

Un consulente esperto è a tua disposizione, tutti i giorni dalle 9:00 alle 20:00, per domande e chiarimenti.

Richiedi una
visita specialistica
Chiama adesso
340 7155268
Dottoressa Marina Faccio

Dott.ssa Marina Faccio

Chirurgo della Mano e dell'Arto Superiore

Ambulatori specialistici a Bologna, Prato e Arezzo.

Opero in forma privata e in convenzione con le assicurazioni sanitarie.

Leggi tutte le recensioni