Sindrome del Tunnel Carpale

La Sindrome del Tunnel Carpale è una delle più comuni patologie che colpiscono la mano.
Scopri quali sono le cause, i sintomi e tutti i vantaggi dell'intervento endoscopico mini-invasivo.

Cos'è la Sindrome del Tunnel Carpale?

Il Tunnel Carpale è una struttura anatomica che si trova a livello del polso; si tratta di un vero e proprio canale osteo-legamentoso all'interno del quale scorrono i nove tendini flessori delle dita e il nervo mediano, uno dei principali nervi sensitivi e motori della mano.

Si parla di Sindrome del Tunnel Carpale quando, per cause diverse, si verifica la compressione di tale nervo nel canale carpale.

Il tunnel carpale

Quali sono le cause?

Le cause della Sindrome del Tunnel Carpale sono molteplici e spesso multifattoriali. Tra i principali fattori di rischio ricordiamo:

  • Età e sesso
    le donne tra i 45 e 60 anni sono la popolazione più colpita
  • Fattori ormonali
    gravidanza, menopausa…
  • Attività manuali
    utilizzo di macchinari pesanti vibranti, movimenti ripetitivi…
  • Condizioni cliniche
    diabete, malattie reumatologiche e autoimmuni, insufficienza renale, obesità, esiti di traumi al polso…

I meccanismi determinati da uno o più fattori di rischio possono comportare:

  • Aumento delle dimensioni del contenuto del canale
    infiammazione dei tendini flessori, edema…
  • Alterazione delle pareti
    esiti di fratture, ispessimento del legamento trasverso…

In entrambe le circostanze il risultato finale è una compressione e, quindi, una sofferenza del nervo mediano.

Dolore e formicolio alla mano - Sindrome del Tunnel Carpale

Quali sono i sintomi della Sindrome del Tunnel Carpale?

I sintomi vanno dal semplice "fastidio" (in fase iniziale) all'invalidità motoria del pollice (in fase molto avanzata); essi, infatti, si aggravano col passare del tempo, poichè il danno nervoso dipende dal grado e dalla durata della compressione. Generalmente si presentano più di frequente durante le ore notturne e in particolari posizioni di stress del polso.

Generalmente i sintomi si presentano in questa sequenza:

  • Formicolio ed intorpidimento saltuario
    al pollice, indice, medio e alla metà esterna dell'anulare
  • Formicolio ed intorpidimento persistente
    accompagnato spesso da dolori taglienti che si irradiano dalla mano verso il braccio e la spalla
  • Riduzione fino alla perdita della sensibilità
  • Indebolimento dei muscoli del pollice
    nei casi più gravi fino all'atrofia

E’ fondamentale che il soggetto che presenti i sintomi suddetti si rechi dallo specialista in tempi celeri.

Sintomi Sindrome del Tunnel Carpale - Disturbi del sonno

Con l'aggravarsi della patologia durante le ore notturne i sintomi diventano sempre più persistenti, causando disturbi al sonno e al riposo; durante il giorno il paziente ha sempre più difficoltà a compiere movimenti di presa e di precisione.

Diagnosi: quali esami sono necessari?

Diagnosi Sindrome del Tunnel Carpale - Elettromiografia
Sindrome del Tunnel Carpale - Elettromiografia

Per diagnosticare la Sindrome del Tunnel Carpale, nella maggior parte dei casi sono sufficienti:

  • Esame clinico
    effettuato dallo specialista in sede di visita
  • Elettromiografia
    per valutare lo stadio di compressione ed eventuali altre sedi di compressione

In casi specifici lo specialista richiederà ulteriori esami strumentali.

Quali sono i rimedi?

A seconda dello stadio di gravità della Sindrome del Tunnel Carpale e della durata dei sintomi si può intervenire in modo conservativo o chirurgico.

In caso di compressioni che perdurino da parecchio tempo, in cui il nervo risulta gravemente sofferente, il recupero potrebbe non essere completo: per questo è importante rivolgersi precocemente allo specialista!

Terapia conservativa:

quando i sintomi sono saltuari ed insorti da un breve periodo di tempo, la terapia conservativa consiste in:

  • Individuare ed agire sui fattori scatenanti adottando delle misure preventive
  • Utilizzo di tutore per mantenere il polso in una posizione di riposo durante il sonno o di protezione in una qualsiasi attività che causi i sintomi
  • Infiltrazione di cortisone, durante la visita ambulatoriale, per diminuire l’edema e l'infiammazione al polso
  • Assunzione della vitamina B
  • Assunzione di farmaci antinfiammatori

Terapia chirurgica:

al fallimento della terapia conservativa o negli stadi più avanzati è indicato l'intervento chirurgico di decompressione del nervo mediano al carpo.

L'intervento è affidabile ed efficace e comporta una risoluzione completa della patologia, ripristinando la funzionalità della mano.

La procedura può essere effettuata per "via aperta" (metodo tradizionale) o per "via chiusa" (metodo endoscopico); in entrambi i casi l'intervento viene eseguito in anestesia locale e in regime di day hospital.

Intervento endoscopico per la Sindrome del Tunnel Carpale

L'intervento endoscopico per il trattamento della Sindrome del Tunnel Carpale è una tecnica chirurgica mini-invasiva, alternativa alla tecnica tradizionale, che consente la risoluzione completa della patologia con un recupero funzionale più veloce.

In cosa consiste?

Viene eseguita una piccola incisione trasversale a livello della piega del polso, lunga circa 1 centimetro, nella quale viene inserito un endoscopio. Grazie alla videocamera interna il chirurgo è in grado di visualizzare perfettamente a video l'interno del tunnel carpale e procedere con l'apertura completa del legamento trasverso, liberando il nervo mediano dalla compressione.

È sicuro?

Sì, è sicuro e risolutivo al pari dell'intervento chirurgico tradizionale.

Intervento endoscopico per la Sindrome del Tunnel Carpale
Sindrome del Tunnel Carpale - Intervento endoscopico

Quali sono i vantaggi?

  • Tempo chirurgico notevolmente ridotto
    l'intervento dura circa 5 minuti
  • Intervento mini-invasivo
    il taglio è diretto sulla zona interessata (legamento trasverso), senza necessità di incidere i tessuti molli sovrastanti (cute, sottocute, fascia palmare e muscolo)
  • Riduzione del rischio di infezioni
    molto importante soprattutto per pazienti diabetici
  • Cicatrice ridotta e meno fastidiosa
    lunga circa 1 cm al polso, in una zona di non appoggio
  • Nessuna stecca di immobilizzazione
    semplice bendaggio compressivo del polso nel post-operatorio
  • Rapido ritorno alle attività lavorative e quotidiane
    il paziente esce dalla sala operatoria muovendo le dita e il polso; ritorna alle normali attività già dal giorno successivo, evitando solamente gli sforzi eccessivi o i carichi pesanti
Intervento tradizionale
("via aperta")
Intervento endoscopico
("via chiusa")
Durata intervento 20 minuti 5 minuti
Cicatrice 4-5 cm sul palmo 1 cm sul polso
Ritorno all'attività lavorativa 2-3 settimane lavoro non manuale

4 settimane lavoro manuale
1-2 giorni lavoro non manuale

3 settimane lavoro manuale
Dottoressa Marina Faccio
Dr.ssa Marina Faccio

Chirurgo Ortopedico - Specialista Arto Superiore

Vuoi informazioni o prenotare una visita?

Domande e Risposte

Altri commenti su Facebook